HR 2.0: la Direzione risorse umane nel nuovo scenario competitivo

Traditional management styles and structures have a big problem at their root: if you try to make management a science, then you will treat people as machines and produce a machine bureaucracy, which stifles innovation. If you subject people to this grinding mill of a machine, you are downgrading their intellectual capacity to that of animals. After all, that’s what you do with animals performing in a circus: you train them to do certain things— best practices—and they come and perform in front of people. Saad-Al-Barrak, CEO ZAIN Telco

Perché

In un contesto complesso e in continua ridefinizione come quello a cui siamo esposti, le procedure e le regole aziendali costituiscono solo una parte dei meccanismi con cui l’organizzazione crea il suo valore. L’altra parte – quella informale, fatta di networking, di capacità di auto attivazione, di fiducia, di passione – rappresenta un asset sempre più strategico, perché in grado di garantire l’agilità, la robustezza, l’innovazione, la circolazione delle storie e delle conoscenze di successo di cui le nostre organizzazione hanno sempre più bisogno.

Gli strumenti e le policy utilizzate nelle Direzioni Risorse Umane sono nate e si sono perfezionate in un contesto radicalmente differente, in cui – a fronte di uno scenario stabile e noto – era possible predefinire ruoli e posizioni organizzative e intorno a quelle costruire I servizi tipici dell’HR (selezione, job-roles, valutazione, sviluppo). Nell’attuale scenario – complesso, difficilmente prevedibile, in continua ridefinizione – questo non solo diventa difficile ma a volte costituisce anche un rischio, una sovrastruttura che blocca quella forza creativa e collaborativa che i manager più accorti stanno cercando con insistenza.

Questo Workshop presenta e documenta i nuovi paradigmi e I nuovi strumenti di gestione e sviluppo delle risorse umane alla luce dei modelli che il Web 2.0 ha portato alla luce: come fare il recruiting in un contesto di social networking? Come cambia l’apprendimento e la formazione con la nuova generazione dei Digital Natives? Come si valutano le competenze e le prestazioni in un contesto di community? Come si rendono più efficienti I processi con modelli partecipati ed emergenti? Come si fa crescere il ruolo della Direzione Risorse Umane nell’organizzazione del futuro? Come si migliora la comunicazione interna con I social media?

A chi è rivolto

Questo workshop è di sicuro interesse per tutti quei manager e professional impegnati nell’accrescere il ruolo delle risorse umane all’interno delle proprie organizzazioni. I partecipanti possono provenire dai seguenti ruoli:

  • Chief Operating Officers/Direzione generale
  • HR manager
  • Training Manager
  • Responsabili sviluppo organizzativo

Quali sono i vantaggi

Individuare percorsi per sfrittare in chiave strategica I network informali all’interno dell’organizzazione

Riflettere sulle criticità e sui limiti dei modelli tradizionali di gestione delle risorse umane basati sul concetto di posizione organizzativa

Individuare nuovi criteri e nuove metriche per leggere e governare l’organizzazione informale

Comprendere il nuovo ruolo della Direzione Risorse Umane nelle organizzazioni orientate ai nuovi paradigmi del 2.0

Condividere alcune buone pratiche di HR 2.0

Confrontarsi con nuovi strumenti di HR 2.0

Quanto costa

Il costo del corso è di 600 € IVA inclusa

Programma della 1/2 giornata

Il Workshop è diviso in due parti:

Parte 1: Un nuovo quadro di riferimento per le Risorse Umane in azienda

  • L’evoluzione dei modelli organizzativi e il ruolo delle risorse umane
  • L’evoluzione delle Direzioni Risorse Umane da Taylor ai modelli di Ulrich
  • I modelli organizzativi emergenti e la crisi della Direzione HR
  • Nuove metriche e nuove pratiche in uno scenario Enterprise 2.0
  • La Direzione HR: quale futuro?

Parte 2: Pratiche, strumenti e riflessioni per un HR 2.0

  • Recruiting e social network
  • Valutazione delle competenze e delle posizioni in chiave collaborativa
  • Training e sviluppo: Social learning
  • La comunicazione interna con i social media: dall’integrazione al supporto al business

Workshop Leader

Emanuele Scotti, Phd, Managing Partner di Open Knowledge, co-autore di Community Management (Apogeo, 2010), ha guidato progetti di Analisi e sviluppo organizzativo per Intesa Sanpaolo, Fiat Group, STMicroelectronics, BTicino, Comune di Venezia. Speaker in conferenze e corsi universitari sui temi della Organizational Network Analysis, Community Management, Informal learning, Comunicazione interna.

Luca Solari, Professore Associato di Organizzazione Aziendale e di Gestione Risorse Umane presso la Facoltà di Scienze Politiche (Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare) dell'Università degli Studi di Milano. Annovera diverse esperienze internazionali come Visiting Professor presso Edhec, Nizza e visiting scholar presso la Haas School of Business, University of California at Berkeley. È inoltre attivo nell'ambito della consulenza sulle tematiche di Strategic Human Resource and Organization Managemen. Dal 2008 collabora con il MIP, Business School del Politecnico di Milano, dove è co-direttore scientifico del Master in HR Management & Development